Amazon Bimbo
igiene del neonato
Home » NEONATO » Igiene e benessere del neonato nei primi mesi di vita

Igiene e benessere del neonato nei primi mesi di vita

Quando nasce un bimbo e, spesso, prima ancora che nasca, la mamma inizia a pensare a come saranno le sue giornate alle prese con il nuovo arrivato. Sicuramente saranno molto movimentate e inconsuete e non sarà semplice districarsi tra poppate, pisolini, cambio pannolini e tutto il resto.
Una cosa che preoccupa tanto le neo mamme è sicuramente la scelta dei prodotti da utilizzare per l’igiene e benessere del neonato. 

Curare l’ igiene del neonato

Ci sono tantissimi prodotti per la cura e benessere del neonato e purtroppo, a volte, anche i negozi per neonati e bambini ne propinano di tutti i tipi non tenendo conto del fatto che quelli indispensabili e sicuri per un neonato sono davvero pochi.

Avete presente il profumo inebriante della pelle di un bambino? Non penserete, di certo, che per poterlo sentire avrete bisogno di utilizzare saponi, bagnoschiuma e shampoo profumati?

La pelle di un bebè ha un profumo intrinseco, speciale e diverso per ognuno di loro. Quindi non serve usare prodotti profumati.

I neonati tra l’altro passano la maggior parte del tempo a dormire e mangiare per cui davvero non hanno bisogno di essere sgrassati.

A volte basta semplicemente un po’ d’acqua e un detergente liquido da utilizzare assolutamente diluito e non direttamente sulla pelle del neonato.

Questo perché la pelle del neonato è molto delicata e un detergente non indicato potrebbe irritarla o addirittura sensibilizzarla fino a causare vere e proprie reazioni allergiche.

Come scegliere il prodotto giusto per l’ igiene del neonato?

Una precisa indicazione è che sostanze come agenti chimici, tensioattivi, derivati petroliferi, siliconi e parabeni sono da evitare assolutamente.

Per individuarli basta leggere l’etichetta oppure aiutarci con alcune app che segnalano quali sono i prodotti contenenti tali sostanze.

Ecco a voi un piccolo elenco delle sostanze aggressive maggiormente contenute nei prodotti per l’igiene:

1. Tensioattivi: derivati dalla raffinazione del petrolio tra cui Sodium laureth sulfate, Ammonium lauryl sulfate, Sodium lauryl sulfate.

2. Altri derivati petroliferi come Paraffinum liquidum, PEG e PPG, Mineral oil, Petrolatum

3. Siliconi: come Poliquaternium-80, Dimeticone e Amodimethicone

Molto spesso, i prodotti per l’igiene del neonato ci vengono regalati da amici e parenti che, per far bella figura, si affidano a quelle che sono ritenute le migliori marche in commercio.

Attenzione, è proprio ai marchi più diffusi che bisogna prestare particolare attenzione.

Meglio, quindi, ricorrere a prodotti di origine naturale che rispettino la delicata pelle del nostro pargoletto.

Per il bagnetto si può scegliere tra il diluire una piccola quantità di bagnoschiuma delicato (che abbia le caratteristiche fin qui descritte) nella vaschetta oppure diluire un cucchiaio del tradizionale amido di riso o di mais che nutrono in profondità la cute del neonato.

Per i capelli, meglio evitare lo shampoo. Basterebbe il bagnoschiuma già diluito nella vaschetta.

Oppure si potrebbe usare il sapone di Aleppo che contiene olio di oliva, particolarmente utile per la rimozione della crosta lattea e olio di salvia.

Meglio in genere, però, evitare l’uso di saponi solidi che potrebbe essere ricettacolo di batteri. Quindi basterebbe bagnoschiuma diluito e olio di oliva per la crosta lattea.

Al termine del bagnetto un bel massaggio con olio di mandorle dolci è più che sufficiente per idratare il pargoletto e donargli qualche minuto di puro amore e coccole.

Cambio del pannolino? Come evitare gli arrossamenti

Per il cambio del pannolino è bene evitare l’uso di salviettine umidificate e usarle solo in situazioni estreme in cui non è possibile usufruire di acqua corrente.

Non è necessario usare detergenti ad ogni cambio di pannolino, basta semplicemente l’acqua.

Solo se la cute del culetto è arrossata si può utilizzare la tradizionale crema all’ossido di zinco, non sempre indispensabile.

E’ una crema particolarmente pastosa che, se usata quando non è necessario, può creare irritazione.

Anche per i pannolini sarebbe bene cercare quelli in cotone biologico ipo allergenici facilmente reperibili nelle erboristerie, online e spesso nelle grandi catene di supermercati a prezzi più convenienti di quelli che tutti conosciamo.

Sono da evitare assolutamente le acque di colonie e il borotalco.
Non servono a nulla e penetrano più facilmente nei micro pori della pelle del neonato.

Come lavare gli indumenti del neonato

Attenzione anche ai detersivi che usiamo per il bucato dei nostri bebè perchè anche quelli sono ricchi di tensioattivi e sostanze troppo aggressive.

Purtroppo lo stesso vale per molti di quelli che vengono propinati per il bucato dei più piccoli. Anche in questo caso occhio alle etichette.

Bisogna evitare quelli che contengono fosfati e gli ammorbidenti poiché contengono profumi.

Per i più radicali, se non volete usare detersivi, potreste sostituirli con un mix perfetto di aceto e bicarbonato dalla spiccata azione disinfettante e igienizzante.

In conclusione, è fondamentale proteggere la delicata cute dei neonati garantendo una buona igiene del neonato quotidiana, soprattutto nei primi mesi di vita, ma ancora più importante è proteggerla in modo sicuro, da tutte le sostanze tossiche che rischiamo di versar loro addosso se non siamo correttamente informati.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • In qualità di Affiliato Amazon, ricevo un guadagno per ciascun acquisto idoneo. Amazon e il logo Amazon sono marchi registrati di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.