Amazon Bimbo
Con lo spazzolino elettrico e a ultrasuoni l'igiene orale è un gioco
Home » PRODOTTI PER L'IGIENE » Con lo spazzolino elettrico e a ultrasuoni fare igiene orale è un gioco

Con lo spazzolino elettrico e a ultrasuoni fare igiene orale è un gioco

Lo spazzolino elettrico e quello a ultrasuoni più adatto al bambino è una scelta che va fatta tenendo presente alcuni requisiti. Il vantaggio di questi prodotti è di raggiungere spazi interdentali e zone più inaccessibili del cavo orale e mantenere sane le gengive con un’azione pulente e massaggiante. Questi sono i vantaggi più importanti dell’utilizzo di uno spazzolino elettrico e a ultrasuoni, uno dei traguardi più importanti raggiunti dall’evoluzione tecnologica sul fronte degli spazzolini da denti.

Nei principali canali di e-commerce ci sono tanti modelli di spazzolini elettrici con diverse caratteristiche e dai prezzi più svariati. Nella scelta è bene valutare dalla grandezza della testina, al manico, più piccolo di quello per gli adulti e per la vibrazione, meno intensa. Molti hanno poi app integrate per un utilizzo corretto.

Quando iniziare a lavare i denti

Partiamo prima di tutto da qui. Appena iniziano a spuntare i primi dentini è il momento di prendersi cura dell’igiene orale, per evitare carie, che possono comparire anche nei denti da latte e per far familiarizzare con questa buona abitudine tanto importante fin da piccoli. Generalmente prima si inizia e più sarà facile mantenere l’abitudine di lavare i denti anche negli anni successivi, senza capricci.

Sfatiamo un mito: i denti da latte non vanno lavati con lo spazzolino

Che sia superfluo, “tanto poi cadono”, è un mito che va sfatato. La salute dei denti si vede da subito e da subito vanno curati e tenuti puliti. E’ vero che le carie comparse su questi denti sono destinate a sparire con la loro caduta, ma è vero anche che i denti decidui cariati spesso preludono alla comparsa di carie anche nei denti definitivi.
Ecco allora che è fondamentale insegnare i propri figli di lavarsi i denti.

Ecco qualche consiglio.

Lavare i denti nei primi mesi di vita del neonato

Per pulire i primi dentini che compaiono, senza fare del male al piccolo, è sufficiente un pezzetto di garza inumidita, da passare sulle gengive sotto le quali si stanno formando. Così facendo si ottengono due risultati con un solo gesto: oltre a mantenere l’igiene orale del bambino, lo si aiuterà anche nello sviluppo della dentizione, alleviando gli inevitabili fastidi che la comparsa dei primi dentini causa.

Dopo i dodici mesi

Intorno all’anno di età, il bambino dovrebbe già familiarizzare con lo spazzolino. Va scelto quello giusto, specifico per i più piccoli, di dimensioni ridotte, con le setole morbide e bello colorato per attirare la sua attenzione. Non è un giocattolo, va preso sul serio, ma qualche disegno in più aiuta l’approccio. Si inizia spazzolando con sola acqua la sera, meglio se anche la mattina, poi si può acquistare un dentifricio per bambini (ne esistono bio 100% realizzati con ingredienti di grado alimentare): non più di una punta.  Solo dopo si sceglieranno altri tipi di dentifrici, quando il bambino sarà ormai abituato e avrà imparato a non ingoiare mentre lava i denti.
prezzi e vendita migliori prodotti amazon

Quale spazzolino usare

Tutti gli spazzolini da denti, per essere adatti ai bambini devono avere la testina piccola e le setole morbide. All’inizio si potranno lavare i denti una volta al giorno, e senza dentifricio.
A partire dai due anni, molto probabilmente inizierà a volersi lavare i denti da solo. È bene lasciare che li lavi almeno due volte al giorno, sotto la supervisione dei genitori.

Lavarsi i denti con lo spazzolino, una buona abitudine da subito

Questa fase è importantissima: se il bambino di un anno vive questa abitudine come un gioco, lavarsi i denti diventerà un momento di svago, e sarà molto più facile, successivamente, acquisire la necessaria autonomia. I bambini poi, amano imitare quello che fanno gli adulti: lavate i denti insieme, diventerà un gioco!

Come lavare i denti ai neonati e ai bambini

Quando invece i bambini sono diventati più grandicelli bisogna insegnargli a lavarsi i denti da soli, con lo spazzolino, piano piano e con tanta pazienza.

Se il bambino ha una buona manualità, potrà fare da solo, per tutto il tempo che vuole. Potrete aiutarlo sempre verso la fine con qualche spazzolata fatta bene. Man mano prenderà autonomia, ma è bene assicurarsi che i denti vengano effettivamente lavati correttamente.

Il risciacquo si insegna piano piano e dunque, anche se inizialmente i bambini ingeriscono una piccola dose di dentifricio, non è un grosso problema, ecco perché meglio sceglierne uno naturale, nel giro di poco tempo impareranno a gestire l’acqua in bocca.

Se si sta cercando un modo divertente e efficace per incoraggiare il bambino a pulirsi bene i denti, sicuramente uno spazzolino elettrico per bambini potrà aiutare.

Lo spazzolino elettrico per bambini solo dopo i cinque anni

Gli specialisti raccomando l’utilizzo dello spazzolino elettrico dopo i cinque anni. Il tipo di spazzolamento che offre inizia a essere adatto ai primi denti dopo questa età, quando le tipologie disponibili sul mercato permettono, per via delle dimensioni che hanno, una giusta impugnatura.

Si aiuterà il bambino a utilizzare lo spazzolino elettrico, insegnandogli come muoverlo nella bocca, all’inizio sempre sotto la supervisione dei genitori.

Ecco quali precauzioni adottare:

– Va insegnato a prenderlo correttamente, spiegandogli che deve tenerlo ben fermo durante lo spazzolamento.
– Deve imparare a non essere troppo violento durante lo spazzolamento, quindi evitare di premere troppo sui denti, danneggiando le gengive e rovinando lo smalto.
– Il bambino non conosce quale è la giusta tecnica di spazzolamento. Qualche indicazione anche per voi genitori può quindi essere molto utile. In particolare: vanno dedicati non meno di cinque secondi su ogni dente. Lo spazzolamento, cronometro alla mano -si fa per dire!- deve durare non meno di due minuti. In commercio esistono delle clessidre con una ventosa da appendere allo specchio per regolarsi sui tempi.
Lo spazzolino elettrico, soprattutto le prime volte, viene vissuto dai bambini come un gioco divertente. Non è sbagliato, a patto però che si faccia capire che è anche un momento importante, perché dedicato all’igiene personale. E poi, rendendo il rituale della pulizia dei denti un momento piacevole per tutti, i bambini acquisiranno meglio questa sana abitudine: divertiti e rilassati è tutto più facile! Ricordate poi un altro aspetto importante, ovvero che questo rituale coincide con le fasi di apprendimento.

Come scegliere uno spazzolino elettrico bambini

Se si opta per un modello di spazzolino elettrico specifico per i bambini, è importante prima di tutto prendere in considerazione delle caratteristiche che sono diverse da quelle di cui tener conto per orientare le preferenze di un adulto. Partiamo dal modello: lo spazzolino elettrico per i bambini avrà una testina più piccola di quella dei grandi. Questo, naturalmente, per facilitare il dosaggio del dentifricio.
Poi il manico: le manine del bambino hanno dimensioni tali da non poter trattenere oggetti troppo grandi. Va quindi scelto un manico ergonomico e alla sua portata. Molti modelli sono dotati di un manico con un rivestimento speciale che garantisce una migliore presa.
Non mancano poi gli optional più sofisticati, come il timer musicale per motivare ancor di più il piccolo a non mollare la presa troppo presto. Sono un po’ più cari, ma i bambini sembrano gradire.

Spazzolino elettrico con cavo di alimentazione o batteria

Per scegliere lo spazzolino elettrico più in linea con le vostre esigenze vediamo innanzitutto cosa offre il mercato.

Spazzolino con cavo di alimentazione

Esistono i modelli ricaricabili su una base, collegata a un cavo, a sua volta alimentato da una presa di corrente. Sono i più diffusi sui principali canali di e-commerce, sono comodi da usare e hanno diverse funzionalità aggiuntive e accessori. Certo consumano più energia e le testine vanno sostituite ogni tre mesi.

Spazzolino con batteria

A seguire, poi, i modelli a batteria: attenzione, perché vanno utilizzate esclusivamente quelle usa-e-getta e non ricaricabili. Questo sistema presuppone l’utilizzo di batterie, da sostituire periodicamente. Per un corretto funzionamento sono consigliate, come già detto, quelle usa-e-getta e il costo annuo può diventare importante più del prodotto stesso. Sono modelli semplici, con poche funzionalità. Si tenga poi presente che le batterie sono contenute nel manico, che sarà quindi più ingombrante.

Gli spazzolini hanno una batteria di diversa durata. Alcuni sono dotati di una spia a led per segnalare che la batteria sta per scaricarsi. Se l’indicatore non c’è si tenga presente che la durata è variabile, quindi è bene controllare quando occorre rimetterlo in carica. E tenere a portata di mano sempre anche uno spazzolino normale.

Le testine

I modelli di testine dello spazzolino elettrico variano anche a seconda del movimento che realizzano. L’efficacia è sempre molto alta. I produttori assicurano infatti che sono in grado di rimuovere ben il 70% della placca. Ecco come funziona.

Ecco come orientarsi al meglio nella scelta.

Movimento della testina dello spazzolino elettrico

Se la testina è ruotante o oscillante, si simulerà il movimento rotatorio della mano. La differenza è che, mentre quello rotante gira sempre nello stesso verso, quello oscillante cambia senso di rotazione. Per i bambini è consigliato questo modello.
Alcuni spazzolini, siano rotanti o oscillanti, hanno poi anche la possibilità di effettuare un movimento avanti e indietro per favorire la rimozione della placca. E’ il caso della cosiddetta testina pulsante. C’è infine la testina sonica, ovvero quella che determina una piccola e veloce vibrazione che rimuove la placca. Ma attenzione: perché questo modello può infastidire il piccolo, oltre a essere più rumoroso degli altri.

Gli accessori degli spazzolini elettrici

Gli accessori di cui proprio non si può far a meno, quando si sceglie tra questo o quel modello di spazzolino elettrico, sono sicuramente il manico antiscivolo: i più piccoli devono poterlo agganciare facilmente, soprattutto quando hanno le mani bagnate. Anche il timer è un buon alleato per la corretta igiene orale. Opzionali ci sono poi il bip e la vibrazione: avviseranno il piccolo che i due minuti sono scaduti. E che quindi il tempo minimo da dedicare allo spazzolamento è trascorso.

Spazzolino elettrico con timer

Ci sono diversi sistemi. Vediamoli.

  • Timer: segnala il momento giusto per cambiare arcata o lato della bocca;
  • Sensore di pressione: se c’è troppa forza sui denti e sulle gengive dà un segnale di avviso;
  • Anelli colorati: indispensabili per garantire a ciascuno il suo.

Chiaro che più optional ci sono, più il bambino, ma anche i genitori, utilizzeranno lo spazzolino elettrico più volentieri. Tra le varie opzioni offerte dai diversi modelli ricordiamo poi le diverse modalità di spazzolamento: c’è quella sensitive e quella whitening. Mentre alcuni sono dotati di una app e di una smartguide per monitorare la pulizia dei denti o sullo smartphone o su un piccolo monitor. Per rendere il trasporto più pratico, alcuni modelli sono dotati di trousse da viaggio o contenitori speciali.

Lo spazzolino elettrico per tutti i gusti

L’aspetto estetico degli ultimi modelli disponibili sulle piattaforme di ecommerce è accattivante, con testine o cover divertenti. Gli accessori come timer e applicazioni dedicate, poi, catturano l’interesse del bambino.

Ma l’aspetto più importante sono le caratteristiche tecniche dei modelli migliori, che potenziano l’efficacia dello spazzolamento e la rimozione della placca, rispetto allo spazzolino manuale. Questo aspetto è stato dimostrato da numerose ricerche scientifiche.

I modelli di spazzolino elettrico

Nel campo degli spazzolini elettrici le novità tecnologiche viaggiano a gran velocità. Lo dimostra la continua ricerca nell’ambito della tecnologia cosiddetta “sonica”. Si prendano ad esempio gli spazzolini a ultrasuoni. E’ l’ultima generazione in questo campo che continua a dimostrare sempre di più la grande capacità di rimuovere la placca dentale.

La tecnologia sonica dello spazzolino elettrico

Nell’elaborazione di questi spazzolini, si è partiti dalla tecnologia sonica applicata a quelli elettrici. Questo sistema permette, ogni minuto, fino a 31mila rotazioni dello spazzolino all’interno della bocca. Stessa efficacia viene garantita anche nei modelli per i più piccoli. In questo caso la testina si sposterà da davanti a dietro con movimenti molto veloci. Le vibrazioni si trasferiscono sulla punta delle setole. Queste ultime a loro volta riproducono gli stessi movimenti dello spazzolino, che si muovono con ampiezza dall’alto verso il basso. Una combinazione di frequenza, questa, che avviene a ritmi elevati. L’ampiezza inoltre assicura che lo spazzolamento sia accurato e l’igiene garantita.

Spazzolino a ultrasuoni con micro-vibrazioni

I miglioramenti nell’efficacia di questa tecnologia sono risultati evidenti, nel passaggio da quella sonica a quella a ultrasuoni. Questo perché, come abbiamo già accennato, gli spazzolini ultrasonici si basano su vibrazioni infinitesimali, che l’orecchio umano non può percepire. La ricerca in questo senso ha fatto passi da gigante. Studi hanno infatti dimostrato che questo tipo di strumenti per l’igiene orale aumenta di molto l’azione contro la placca, ma anche la parete cellulare dei batteri. Gli stessi che provocano carie. L’efficacia contro il tartaro, nei piccoli e negli adulti, è di un terzo più alta dei modelli elettrici tradizionali.

Come funzionano questi spazzolini? La vibrazione parte dai filamenti e avviene con un movimento oscillatorio superiore ai 20 Khz. La tecnologia, in pratica, sfrutta sia la velocità che la frequenza. Rispetto ai modelli elettrici tradizionali, è proprio questa combinazione vincente che garantisce una migliore e approfondita rimozione di placca e tartaro. Le vibrazioni infatti sono in grado di arrivare agli spazi interdentali più facilmente degli altri spazzolini.

Come usare uno spazzolino a ultrasuoni

I miglioramenti della tecnologia sono dimostrati. Questi apparecchi sono sempre più efficaci e sicuri per l’igiene orale quotidiana, migliorano la salute della bocca e la consapevolezza della maggiore efficacia dello spazzolino elettrico rispetto a quello manuale. Un uso costante e corretto dello spazzolino dà più risultati, perché è più efficace nei movimenti, a parità di tempo è più efficiente di quello manuale, e questo perché permette di raggiungere tutte le zone del cavo orale. Nessuna resterà esclusa dal trattamento quotidiano. E’ stato stimato che usare quotidianamente e sistematicamente uno spazzolino elettrico a ultrasuoni permette, in appena un minuto, di eliminare dal cavo orale una quantità di placca pari a sei minuti di spazzolamento manuale! Lo stesso discorso vale per tutte le diverse tecnologie innovative messe a disposizione delle case produttrici.

Con lo spazzolino a ultrasuoni bastano due minuti

L’abbiamo ripetuto più volte, ma non è mai abbastanza. Un corretto spazzolamento deve durare non meno di due minuti. Un tempo che i timer, inclusi come optional negli apparecchi più sofisticati, cronometrano con un allarme allo scoccare dei due minuti.

L’utilizzo degli spazzolini ultrasonici deve essere quotidiano. Molti hanno una serie di optional che rendono molto piacevole il momento dedicato all’igiene orale. Uno su tutti, i sensori, in grado di allertare chi sta spazzolando, nel caso in cui si stia facendo troppa pressione. Il rischio in questi casi è di irritare le gengive.

Spazzolino a ultrasuoni per tutta la famiglia

Anche i bambini possono usare gli spazzolini da denti ad ultrasuoni. I prodotti non hanno effetti dannosi su di loro, ma è importante spiegare come utilizzare questo spazzolino e interpretarne suoni e allarmi. La prima cosa da dire è che le testine non vanno mordicchiate: se questo avviene, infatti, le testine rischiano di essere presto danneggiate, e sarà necessario sostituirle. La spesa non è indifferente, perché queste testine sono più care di quelle utilizzate per gli spazzolini elettrici tradizionali. Occhio quindi a utilizzarle con grande attenzione.

Durata e velocità

In genere i modelli sono dotati di due velocità di spazzolamento. La durata della batteria si aggira intorno ai 20 giorni. Collegamento bluetooth con la App.

Scegliere lo spazzolino elettrico giusto per i bambini

Il bambino ha delle caratteristiche anatomiche e fisiologiche della bocca e dei denti diverse da quelle dell’adulto. La bocca e i denti sono più piccoli, lo smalto è più fragile, le gengive più delicate e la mucosa orale più sensibile. E’ indispensabile allora l’utilizzo di uno strumento specifico.

Testine dello spazzolino specifiche per bambini

Spazzolino elettrico sì, ma non uno qualunque. Ovvero non lo stesso utilizzato dai genitori. La ragione è semplice: le testine per i bambini sono prodotti studiati ad hoc per loro. Questo vale in particolar modo per gli under 6. Queste testine speciali hanno una caratteristica fondamentale: semplicemente, sono più piccole. Così studiate, infatti, possono raggiungere tutte le parti del cavo orale. Le setole poi sono più morbide in modo tale da non provocare danni irreversibili allo smalto.

Le setole di nylon se si ha l’apparecchio fisso

Ma anche nei bambini e ragazzi più grandi, soprattutto se hanno l’apparecchio, l’ideale sono testine con setole morbide. Alcune marche di spazzolini elettrici bambini hanno delle testine specifiche per i portatori di apparecchio. In ogni caso le testine e le oscillazioni o rotazioni di queste, e le setole, sono progettate specificatamente per rimuovere la placca dentaria, senza danneggiare le fragili strutture dentarie dei bambini.

Ogni quanto cambiare le testine dello spazzolino

Si tenga presente che la rotondità delle setole è legata a una corretta manutenzione delle stesse. Una volta usurate, infatti, diventano appuntite e possono danneggiare lo smalto. Con danni irreversibili, ma compromettendo altresì l’igiene, che sarà meno efficace. Le testine degli spazzolini di gamma più alta possono essere sostituite ogni circa tre mesi. Tuttavia, lo ricordiamo, se il piccolo ha la tendenza a rosicchiarle, le testine andranno cambiate prima di questa scadenza standard.

Velocità di spazzolamento o di vibrazione

Normalmente la velocità e l’intensità di spazzolamento di uno spazzolino elettrico per i bambini è inferiore rispetto ad uno per adulti, che funziona con quasi il doppio di movimenti al minuto.

Colori e disegni divertenti

Testine e spazzolini elettrici per bambini sono ormai pensati per fare colpo: dai colori alle fantasie, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Persino le parti del manico sono a volte intercambiabili, e i bambini apprezzano in particolare i modelli raffiguranti i loro supereroi o personaggi dei cartoni preferiti. Non mancano sul web immagini ritraenti i protagonisti di Star Wars o di Disney.

Sembrano dei giocattoli, ma vanno utilizzati con cautela, come già ricordato. Tra gli optional può aiutare la presenza di una app che si attiva nel corso dello spazzolamento. Questo momento diventa allora piacevole e divertente.

Manico e impugnatura e dello spazzolino elettrico per bambini. Meglio se anticaduta

Del manico abbiamo già parlato. Come del resto anche per gli spazzolini manuali, questa parte dello spazzolino elettrico è fondamentale e deve essere quanto più possibile ergonomica. Occhio poi, oltre che alla forma, anche ai materiali: devono essere facilmente afferrati dai bambini.

Infine, nel funzionamento, deve esserci sufficiente spazio per le dita. Rilievi posteriori possono renderli più pratici. La parola d’ordine deve essere sempre: “praticità” e “funzionalità”. Occhio poi che sia resistente, perché essendo molto frequente l’utilizzo, potrebbe cadere a terra.

Applicazioni specifiche per aiutare i bambini a lavarsi i denti

Abbiamo accennato già alle applicazioni scaricabili dal cellulare. Per i più piccoli, questi sistemi, possono essere molto divertenti e rendere piacevole il momento dedicato all’igiene orale.

In pratica, collegato lo spazzolino al telefono o al tablet, compariranno delle animazioni oppure il piccolo sarà coinvolto in un gioco. Una sorta di intrattenimento, a scopo educativo. Per aumentare la consapevolezza dell’igiene, senza farlo vivere come un dovere. Alcune sono studiate ad hoc per insegnare il corretto movimento dello spazzolamento, e come raggiungere ogni parte della bocca.

Le immagini in movimento e le figure di fantasia ricordano in un certo qual modo i videogiochi. Alla fine di ogni sfida, il piccolo guadagnerà vite. La sfida è, naturalmente, la corretta pulizia. Tra i commenti dei genitori sui principali portali di ecommerce c’è una generale soddisfazione sull’efficacia di questi strumenti. Che rendono eccitante e divertente il momento di lavarsi i denti.

prezzi e vendita migliori prodotti amazon

Altri articoli:

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • In qualità di Affiliato Amazon, ricevo un guadagno per ciascun acquisto idoneo. Amazon e il logo Amazon sono marchi registrati di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.